From Book To Film - Editori

 

Bennici & Sirianni Agenzia Letteraria

Bennici & Sirianni è un'agenzia letteraria che rappresenta autori e case editrici in Italia e nel mondo. La nostra agenzia lavora sia su prodotti per adulti ma anche per bambini e ragazzi (YA).

La misteriosa scomparsa di Don Vito Trabìa - Sebastiano Ambra (Newton Compton Editori)
L'operazione per catturare il pericoloso latitante Vito Trabìa finisce con un buco nell'acqua: i poliziotti, giunti sul posto in cui avrebbero dovuto sorprendere il boss, trovano solo un vecchio lattaio. Di don Vito nessuna traccia. A Palermo l'ispettrice Malena Di Giacomo, reduce dalla difficile rottura con la sua ragazza, riceve quella che a prima vista sembra la lettera di un mitomane, ma che si rivela in realtà un guanto di sfida: qualcuno ha rapito Vito Trabìa e ora intima a Lena di ritrovarlo, entro ventiquattro ore e senza l'aiuto dei colleghi, altrimenti il boss verrà ucciso. L'ispettrice non ha scelta, ma il compito è tutt'altro che semplice: per arrivare a capire dov'è don Vito, dovrà  infatti risolvere la sequenza di indovinelli escogitata dal rapitore, enigmi che fondono arte e letteratura con la storia e le leggende del capoluogo siciliano. Aiutata dallo psicologo Leonardo Colli, Lena intraprenderà così una pericolosa caccia al tesoro, che la condurrà tra i vicoli e i monumenti di una Palermo misteriosa ed esoterica, per giungere a perdifiato all'epilogo di una storia nella quale niente è come sembra.
Si tratta di un prodotto seriale. Il secondo volume è già in stesura. Il punto di forza è senz'altro la protagonista omosessuale, figura che almeno fino ad ora non ha toccato gli schermi televisivi italiani.

L'ottava Confraternita - Alessia Racci Chini (Fanucci Editore)
In un paesino delle Alpi italiane, sul confine italo-franco-svizzero, sorge ciò che rimane del Grand Hotel Bluemillion. Abbandonato da più di trent'anni, l'imponente rudere del lussuoso hotel è adesso infestato dalle anime di coloro che nelle sue sale hanno trascorso i momenti più felici della propria esistenza terrena. Da troppo tempo, le giornate dei fantasmi del Bluemillion scorrono tutte uguali, polverose e monotone, finchè la Scuola Anti Mistero non decide di stabilire proprio lì la sua sede. Con l'arrivo dei professori e degli alunni della S.A.M., gli ambienti del Grand Hotel ritornano agli antichi splendori, eppure i fantasmi non sono per niente felici del cambiamento e dichiarano guerra ai nuovi arrivati. Ma quando il confine tra il regno dei vivi e quello dei morti cade, e i due mondi riescono finalmente a incontrarsi, le cose prendono una piega inaspettata. La curiosità spinge fantasmi e giovani medium a oltrepassare barriere e timori, dando il via a piccole rivoluzioni. Un gruppo di studenti in particolare, l'Ottava confraternita, sfiderà le regole consolidate della scuola, costringendo gli stessi professori a mettere in dubbio false certezze e a fare i conti con inconfessabili paure...
Il prodotto può essere immaginato come seriale (secondo titolo in stesura) ed è destinato a un pubblico giovane +12. Il mistero e l'occulto sono alcuni tra i temi che più catturano il pubblico di giovanissimi (almeno giovanissimi lettori).

L'ultima bambina d'Europa - Francesco Aloe (Alter ego Edizioni)
Un terribile quanto improvviso cambiamento climatico ha reso invivibile la maggior parte delle terre emerse. Il freddo e la neve hanno preso il sopravvento in tutta l'Europa e i pochi esseri umani rimasti, per lo più uomini adulti, lottano per la sopravvivenza, tra insidie ambientali e pattuglie militari senza scrupoli intenzionate a evitare l'emigrazione di massa verso l'Africa, un continente lontano ma che sembra immune alla dilagante disgrazia. Con un vero e proprio omaggio letterario allo straordinario La strada di Cormac McCarthy, Francesco Aloe immagina il cammino di una famiglia su una via lunga e rischiosa. La strada in questo romanzo è percorsa da un uomo, una donna incinta e una bambina. A unirli e tenerli in vita non sono solo il poco cibo e qualche coperta ma soprattutto il desiderio profondo di raggiungere incolumi la terra dove ancora vivono gli uccelli e ricominciare, da là, un nuovo futuro, lontano dalle violenze e dalle atrocità a cui hanno assistito durante il loro lungo viaggio.
Il romanzo è molto cinematografico e la produzione può essere considerata a bassissimo budget. Si toccano temi molto importanti e attuali come il cambiamento climatico e l'emigrazione.

 

Casa Editrice Freccia D'Oro 

La Casa Editrice Freccia D'Oro si sta imponendo a livello nazionale con i numerosi titoli in brossura del proprio catalogo grazie ad una capillare rete di distribuzione che basa la sua forza soprattutto sul commercio online e sulla consegna diretta alle librerie. Ha un settore di narrativa per bambini (con ben quattro favole edite nell'ultimo anno) e ragazzi (con la nuova collana Ci Pensa Mattia).

Non posso stare altrove - Marco Cevolani
Samuel Bertelli è il più forte calciatore al mondo. All'apice della propria carriera decide di lasciare il calcio giocato per stare accanto al compagno Riccardo, gravemente malato, rivelando quindi al mondo la propria omosessualità. Riccardo muore e Samuel passa tre anni nell'isolamento più totale salvo poi ritornare al calcio, quello di periferia, salvando la squadra della propria città.
Il romanzo è il primo di una serie di tre, dai quali può essere tratto spunto per integrare l'eventuale produzione cinematografica.

Delitto al teatro comunale - Massimiliano Santarelli (pseudonimo di Marco Cevolani)
Teo e Massimiliano sono due amici, durante una rappresentazione teatrale assistono ad un misterioso incidente e decidono di indagare.
La storia è ambientata a Cento (FE) città dove sono state girate altre opere cinematografiche.

Il cantone del diavolo - Marco Cevolani
Mattia è un adolescente esperto hacker. Un giorno durante una gita scolastica alla Chiesa del Rosario di Cento scopre casualmente che a questa chiesa è collegato il mistero del blu Guercino uno dei colori più ricercati, usati dal grande artista centese. Assieme all'amico Massimiliano dovrà fronteggiare i terribili pericoli costituiti dalla Confraternita, una misteriosa organizzazione segreta millenaria.
Il personaggio di Mattia compare nei libri del medesimo autore che hanno per protagonista Samuel Bertelli.

 

Editrice Il Castoro

Editrice Il Castoro pubblica libri per ragazzi di tutte le età, inclusi narrativa, graphic novel, non-fiction e romanzi YA. Molti libri in catalogo hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti da parte di critica e pubblico. Nel 2016 è stata inserita tra i tre migliori editori per ragazzi nel mondo all'International Excellence Awards del London Book Fair. Ad oggi sono svariati i libri Castoro opzionati da produttori per l'adattamento audiovisivo. 
La crescente richiesta di titoli e libri per il target Young Adult e Famiglia da parte delle piattaforme e dei produttori ha sensibilmente aumentato l'attenzione di questi ultimi verso gli editori per ragazzi.

Gli sbagliati del Dubai - Daniela Palumbo
Flavio è morto per overdose un anno fa. La mattina del primo anniversario sette amici di Diego, suo fratello, decidono di seguirlo ovunque voglia andare e qualunque cosa voglia fare per onorare quel giorno. Comincia così il loro grande viaggio. Dalla periferia al mare, dentro i luoghi di sempre e quelli sconosciuti, estranei. Una fuga dalla solitudine verso la consapevolezza e l'amicizia. Quel giorno, a un tratto, diventa IL giorno. Le onde. Il mare. Il blackout. I corpi e le anime dei ragazzi e delle ragazze si riconoscono dentro i disagi che si sciolgono nel buio. Come in un grande abbraccio. Mai più soli. Mai più sbagliati.
Un on the road improvvisato, una fuga necessaria per il sentire di tutti, dal Dubai, un centro commerciale, luogo di illusioni e disillusioni, per finire come nessuno si aspettava. La voce del gruppo, lo scambio tra i differenti registri degli otto ragazzi: otto universi da conoscere, otto codici da interpretare, otto storie nella storia. Sulla scia di serie come Skam, Euphoria, Nudes, che raccontano la giovinezza per quello che è, senza filtri, con le macchie e le imperfezioni, ma anche con la speranza, questa storia intercetta il pubblico giovane, senza ipocrisie.

FAI RUMORE-Nove storie per osare - Collettivo Moleste
Elisa, Sabrina, Rosa, Lara, Laura, Ele, Camilla: siamo noi. Le loro storie ci toccano nel profondo perché sono accadute e accadono anche a noi, alle nostre sorelle, amiche, vicine. A volte nemmeno ce ne rendiamo conto, minimizziamo, non abbiamo gli strumenti per comprendere, reagire, parlarne ad alta voce. Ed è proprio per questo che nasce questo libro: per rompere il silenzio e riempirlo nelle nostre storie e delle nostre parole, per far sì che situazioni così non capitino mai più. E allora, avanti: FAI RUMORE!
Catcalling, slut-shaming, relazioni tossiche, abusanti. La violenza di genere ha molti nomi, volti, sfumature. Questa antologia è più di una raccolta di storie di molestie: sono storie di reazione, di coraggio, di forza. Nove storie, nove "voci", nove situazioni che non affrontano un tema in senso teorico, ma mostrano cosa succede in caso di avance indesiderate, o di bullismo, e quale impatto questi comportamenti hanno sulla vita delle persone. Un tema che ci riguarda tutti.

La traversata - Francesco D'Adamo
Un viaggio, improbabile e inutile, al tempo stesso assolutamente necessario ed eroico. È la traversata del vecchio pescatore Ezechiele, accompagnato dal nipote Tonino e dal cane Spaghetti, per riportare al di là del mare uno zainetto a una mamma e rassicurarla che il piccolo Omar è arrivato sano e salvo sulle nostre coste. Ezechiele sente di doverlo fare, sente di dover compiere quella traversata nel nome della condivisione, della fratellanza e dell'importanza dei piccoli gesti. A poco importa che debba fermarsi in una strana Isola che Non c'è, che non ha niente a che vedere con Peter Pan, ma raccoglie tutti coloro che sono annegati nel compiere la loro traversata ed è luogo di malinconia ma anche di speranza; o che debba sfuggire alla guardia costiera, o che non conosca nessuna parola per farsi capire nell'altro paese. Nell'arco di tutto il libro, oltre alla compagnia di Tonino e Spaghetti, Ezechiele è accompagnato anche dalla moglie Caterina, morta qualche anno prima, ma con la quale continua un dialogo amoroso, tenero, commovente.
La poesia, l'incanto di una fiaba moderna per tutte le età, un po' magica, un po' onirica che ci insegna a rompere il muro di indifferenza che, sempre più spesso, ci separa dall'altro, dagli altri. Diritti di traduzione del libro venduti in: Spagna (Mondo), Slovenia, Azerbaijan, Grecia.

 

Edizioni del Loggione

Casa Editrice con due marchi editoriali. Edizioni del Loggione con collane dedicate alla cultura enogastronomica, alla promozione del territorio, ai temi sociali e al romance. Damster edizioni con le collane dedicate alla narrativa varia e in particolare ai gialli. Organizzatrice di eventi e festival (R come romance e GialloFestival). Abbiamo scelto non dei romanzi ma dei progetti che possano prevedere delle trasposizione televisive assimilabili al documentario o alle brevi fiction.

L'eco dei Portici - Alessandro Albergamo
Quando dici "Bologna" pensi ai portici. I portici patrimonio UNESCO dove la storia lascia il testimone alla modernità. Ma ciò che non cambia sono i poveri, gli emarginati, gli esclusi: sotto ai portici continuano ancora oggi a cercare riparo, pace, inclusione. Questo libro parla di loro, con una cruda narrazione dei loro bisogni, delle loro vite, dei loro sentimenti, accompagnando chi legge in un crescendo di empatia mai pietista o buonista, ma che lo porta a perdere qualche stereotipo tra le storie e le fotografie del libro.
Si tratta di ritratti di persone disagiate che possono facilmente essere riproposti in formato televisivo.

Brividi a cena - AA.VV.
Si tratta di un progetto di promozione turistica attraverso l'uso di un genere pop come il giallo. Sono stati realizzati su diversi territori: appennino Bolognese, I colli Bolognesi, Bologna, Valmarecchia, Fano, Artusi* (questo è sul ricettario dell'Artusi). I racconti prevedono: un riferimento ad un comune (o parte di esso come nel caso di Bologna) un riferimento agli aspetti artistici, paesaggistici, culturali, della stessa località, un riferimento ad un prodotto enogastronomico.
In questo caso piccole fiction (dalla trama del racconto giallo) per la promozione (in)diretta di un territorio e delle sue eccellenze (storiche, paesaggistiche, culturali, enogastronomiche).

Le donne che fecero l'impresa - AA.VV.
Ritratti di imprenditrici che, con il loro lavoro, hanno contribuito all'affermazione di aziende in diversi settori. Ogni racconto parte da un piccolo evento, una curiosità, un momento particolare della vita della donna imprenditrice. Momento che illustra lo spirito alla base del successo dell'impresa. Sono disponibili antologie sulle donne imprenditrici dell'Emilia-Romagna, del Veneto, della Lombardia, del Piemonte e del Lazio. I settori sono tra i più disparati e le "piccole storie" di piccole imprenditrici sono affiancate a storie più conosciute (ma non troppo) di aziende più importanti. Il messaggio di base è: "se vuoi ce la puoi fare, anche se sei donna". 
Anche in questo caso piccole fiction che, partendo dal momento raccontato nel racconto, possano poi diventare testimonianza ed esempio del successo di una impresa femminile.
Fin dalla sua origine, a Bologna nel 1989, Minerva ha saputo trasformare in realtà sogni, progetti, reportage, narrativa e molto altro, con una precisa mission: la qualità dei volumi e degli eventi ad essi collegati. Questa volontà oggi ci porta a pubblicare romanzi, storie di sport, libri d'arte e illustrati, racconti di vita e molto altro ancora. Partendo da 30 libri l'anno, oggi Minerva ha raggiunto l'importante traguardo delle 110 pubblicazioni annuali.

Il mare non l'ha fatto Lui - Debora Grossi
In estate la guerra non arriva, fa caldo. Fidati. A Riccione il giovane Navarro è un Figlio della Lupa ambizioso e costantemente alla ricerca di idoli. Osserva emozionato Benito Mussolini giocare a tennis credendo di avere davanti un attore. Si ispira a lui, a Gino, il ragazzo più popolare e a Dio. Si affida a loro mentre il regime fascista lentamente si trasforma. Navarro ruba dettagli e ricordi da quel mondo di finzione, pronto a condividerli con il migliore amico Orlando, il timido figlio del bagnino da tutti chiamato Bianchi. È proprio il suo animo mite e la sua concretezza a fare da antidoto contro la prepotenza e le illusioni che li circondano, tentazioni a cui è impossibile resistere. La Riviera truccata a festa sembra essere lontana dagli echi lontani della guerra e anche le sue spiagge rimangono il luogo di conforto per chiunque voglia respirare un po' di pace. Navarro, insieme alla famiglia e all'amico, crescerà  all'interno di una favola destinata a collassare. Incastrato negli ingranaggi della storia e in balia di cambiamenti e ideali distrutti si troverà al centro dell'inferno, la sua città, la tomba della sua infanzia.

Chris Amon. La sfortuna non esiste - Emiliano Tozzi
«La sfortuna non esiste. Il destino lo creiamo noi con le nostre mani e con le nostre azioni.» Così parlò il mitico Drake, Enzo Ferrari. Allestire la miglior vettura possibile. Per una totale assunzione di responsabilità, di fronte a una sorte potenzialmente nemica. Le tante rotture meccaniche che finirono per descrivere la carriera di Chris Amon a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta ne delinearono nell'inconscio collettivo e nell'ambiente delle corse quel fortissimo ritratto che sfociò nel luogo comune del "pilota sfortunato". Al punto di far rapidamente dimenticare ad addetti ai lavori e non quel senso diffuso di un campione e un pilota in grado di aggiudicarsi un leggendario titolo iridato nel campionato Sportprototipi, regalando alla Ferrari a bordo della bellissima P4 l'indimenticabile vittoria in parata nella 24 Ore di Daytona del 1967, assieme al compianto compagno di squadra: Lorenzo Bandini. Raccontare la carriera di quell'unico pilota neozelandese alla guida delle vetture del Cavallino rampante, in tutta la storia dell'automobilismo sportivo, vincolata solamente al giogo della sfortuna non sarebbe giusto e nemmeno onesto. Nel tentativo d'immaginare, anche solo lontanamente, chi fosse realmente Chris Amon. Dai suoi esordi nella terra d'origine fino a quella telefonata che portò il nome di Gilles Villeneuve all'attenzione di Ferrari, i risvolti che raccontano ancora oggi un pilota inimitabile furono molteplici e insospettabili.

Portami lontano da me - Andrea Accorsi
Marte è un ragazzino di sedici anni tossicodipendente. Ha trascorso l'infanzia rinchiuso in un manicomio per bambini, contenuto. Andrea è un fisioterapista con la passione per i viaggi in bicicletta. È in perenne fuga dai fantasmi del suo passato e da un senso di solitudine che continuano a tormentarlo. Le loro vite si incrociano quando Marte viene affidato ad Andrea per tentare la "terapia estrema". Un viaggio in tandem. L'idea è quella di portarlo in un luogo che possa rappresentare l'infinito, un faro sopra un promontorio di roccia, la fine della terra, l'inizio del mare. Per dargli una dimensione di come tutto ciò che si percepisce, sia l'inizio e la fine contemporaneamente. Tra di loro non esisteva nulla, prima. Ora hanno solo questo viaggio e loro stessi, l'uno per l'altro. Andrea è un uomo che ha parecchie cose in sospeso col passato, paludi di solitudini, ma che attraverso quel viaggio cercherà di bonificare un po' di quel passato, al costo del futuro. Tratto da una storia vera.

 

Edizioni Pendragon


Salutami tuo fratello - Marco Ligabue
Dopo un'infanzia "normale", in un tipico paese emiliano, la vita di Marco viene travolta dal successo di Luciano e cambia per sempre. Inevitabile la notorietà di riflesso. Eccitante, ma delicata da gestire. Così, sorridente e determinato, inizia improvvisandosi ambulante per girare l'Italia, impara l'arte del corteggiamento, organizza una telefonata tra Liga e Vasco, porta una mucca sul palco, accetta un'azzardata proposta di Luciano a poche ore da un live, taglia il traguardo di una maratona per una pro­messa di famiglia, affronta 60.000 persone che gli inveiscono contro, duetta in prima serata su Canale 5 e ospita una svedese mettendo in pericolo gli equilibri di casa Ligabue. Queste sono solo alcune delle 33 "cronache" di questo libro, che ha come filo conduttore la musica, in tutte le sue sfaccettature, conosciute e inedite. Marco, forse come nessuno mai, ha vissuto il palco da ogni lato: da fan, da addetto ai lavori, da musicista, da protagonista e da fratello di una rockstar. E, appena varcata la soglia dei cinquant'anni, si racconta senza nascondersi.
È il fratello di Luciano Ligabue.

L'eredità segreta di Michelangelo - Pietro Gessi
Estate 1996. Luca Martini, affermato storico dell'arte bolognese, è solito trascorrere l'estate nel piccolo paese di Ripatransone (Marche), lo stesso che nel Cinquecento ha dato i natali ad Ascanio Condivi, allievo e biografo di Michelangelo Buonarroti. A sconvolgere la sua tranquilla routine, fatta di cene dal "Rosso" e letture sull'ampio terrazzo di palazzo Capponi "nel quale alloggia da sempre" è l'improvvisa e fortuita scoperta di una botola nel soffitto. Il ritrovamento dell'archivio della famiglia Capponi è solo l'inizio di un'avventura che cambierà per sempre il volto del paese marchigiano e dei suoi abitanti, ma soprattutto la storia dell'arte italiana...
Giallo storico, stile Dan Brown.

Angeli da un'ala soltanto - Sciltian Gastaldi
Questa è la storia di un'ossessione. Un'ossessione amorosa tra Francesco ed Emanuele: due liceali dei primi anni Novanta. Chicco e Lele studiano, vanno al cinema, ascoltano musica, si scrivono lettere ed e-mail. E si amano. Con un'intensità tale da essere come angeli da un'ala soltanto: possono volare solo abbracciati. I due, adolescenti e gay, maturano insieme la loro educazione sentimentale. Fra i timori della rottura delle convenzioni e la passione totalizzante della prima volta. Mentre Chicco e Lele si amano, intorno a loro il mondo cambia. La cornice è un'Europa di fine secolo sconvolta, fra i postumi della Tangentopoli italiana, la fine delle ideologie e la faticosa riunificazione della Germania. In mezzo a tanta novità, a tanta incertezza, le famiglie d'origine dei due ragazzi premono per una condotta di vita più tradizionale. In questo senso, il rapporto di Chicco col padre, un avvocato clericale finito in un giro di tangenti che lo porterà in carcere, tratteggia un binomio paradigmatico per molti figli d'oggi, carico d'incomprensioni generazionali e di un amore diverso. Romanzo di formazione ambientato fra Roma, Berlino e Bologna, affronta temi centrali per gli adolescenti di ogni epoca e di ogni orientamento sessuale: la capacità  di amare e di amarsi, il coraggio delle scelte, il rispetto dei sogni propri e altrui.
Una storia di outing.

 

Errekappa di Monica Fava

Casa editrice indipendente che si occupa di crescita personale e albi illustrati e narrativa per bambini.

Fuga dall'illusione - Brian Rubenstein
Un coltello insanguinato. Una banda di adolescenti tenuta in prigione. Un uomo pericoloso a cui doveva un sacco di soldi. Una proposta irrifiutabile. Benvenuti nel mondo del quindicenne Evan Banksky, un mondo che sembra andare pericolosamente fuori controllo. Un mondo a cui sembra impossibile sfuggire. Fino a quando il ragazzo non riceve un aiuto inaspettato da un misterioso gruppo con una missione importante. Intraprendendo un viaggio che lo porta in luoghi che non avrebbe mai immaginato, Evan apprende che deve guardare in profondità dentro di sè per trovare la risposta a una serie di dilemmi profondi. Dai bassifondi di Londra alle dolci pianure del deserto africano, unisciti a Evan mentre affronta la sua famiglia e i suoi amici, il suo passato e il suo futuro, arrivando a decisioni cruciali che cambieranno la sua vita per sempre.
Target: 13+ Ricco di azione, di mistero e improntato alla scoperta del proprio valore e potenziale. Un estratto: https://issuu.com/info-errekappa/docs/fuga-dallillusione_estratto 

Vite a gettoni - Elisa Cattini

Come una madre accogliente, prosperosa e un po' demodè, Bologna si rivela sensuale e confortante, ardente ed entusiasta, ad una giovane studentessa attraverso i suoi bar, le inconfondibili vie del centro, l'università, un'umanità eterogenea fascinosa e fragile. È una città irregolare, fatta di ardore e luce, nella quale si mescolano e si fondono le età, i desideri, i colori, i sogni e dove una lavanderia a gettoni può diventare un luogo di incontro, di confronto, di storie di vita regalate generosamente tra un'asciugatura ed un bucato. La malinconica Allegra è il fulcro di un crocevia di esistenze che la avvolgono, la travolgono e in lei paiono trovare un porto, un appiglio, un affetto, un bagliore di felicità, una possibilità di ascolto: Irina, traghettatrice di anime perse che gestisce il Caffè Montmartre tessendo fili invisibili tra le vite dei suoi avventori; Josette, la bellissima misteriosa presenza sfuggente che pare eternamente inafferrabile; Tommaso, col suo fascino elegante e i suoi gesti delicati e forti; Anna, ex-attrice, regina dalle mille vite, legata ad un grande indimenticato amore, Marilena e i suoi drammi, e ancora Giulia che legge nei pensieri dell'amica, accarezzandone i tormenti con moderazione e senza giudizi, i genitori apprensivi e affettuosi, gli amici, le corse, i mesi che si succedono scanditi dai ritmi dello studio, delle emozioni, delle lacrime, di baci appassionati e caffè rigeneranti.
16+ Commedia romantica. Un estratto: https://errekappa.net/wp-content/uploads/2020/04/Estratto_Vite-a-gettoni.pdf

Lina la fagiolina e l'incredibile avventura del palloncino di gomma da masticare - Luis Gomez Molero
Questa è la storia di Lina, una bimba straordinaria, tanto quanto qualsiasi altra, anche se un po' più rotondetta e circa 113.33333 volte più piccola. Ah, non è umana. È una fagioliana, o meglio, una fagiolina. Lina frequenta la 5 dell'IBF (Istruzione di Base di Fagiolandia) e ha un'amica stupenda che si chiama Lucia Fagiolinaverde. Le uniche due materie che si studiano a scuola sono matematica e pasticceria. Lina adora i dolci, odia la matematica e conduce una vita normale e ordinaria fino a che un giorno, all'improvviso, cominciano a succederle delle cose strane. Senza volerlo, si trova coinvolta in un'avventura e diventa la bimba più famosa di Fagiolandia. In seguito ad una forte delusione i suoi capelli diventano prima rossi, poi elettrici e nonostante le cure del Fagiologo, lo psicologo di fagiolandia, inizia addirittura a produrre palloncini di gomma da masticare. Sarà a causa di uno di questi enormi palloncini che Lina farà un volo notturno sulla città fino a che non viene fermata dall'arcobaleno. A quel punto incontrerà la signora Fagio che l'aiuterà  a guarire.
Cartone animato. Disegni disponibili in altissima risoluzione, dettagliatissimi e molto divertenti. Un estratto: https://errekappa.net/wp-content/uploads/2020/05/estratto_Lina_la_fagioina.pdf

 

Giraldi Editore

A condurre la Giraldi Editore è Rossella Bianco, che ha acquisito il marchio nel 2011. Negli anni siamo costantemente cresciuti fino a configurarci oggi come una medio-grande casa editrice, solida, che distribuisce in tutta Italia. Lasciandoci guidare dal talento, pubblichiamo autori esordienti come autori noti. Nella nostra scuderia, come si evince dal catalogo, ci sono moltissimi giornalisti e personaggi famosi dello spettacolo, a conferma di un focus sempre puntato sui temi di attualità.

Come il grano a giugno - Alessandro De Francesco
Come il grano a giugno è la storia di un gruppo di amici. Libero, Anna, Fabio, Davide e Luciano vivono la loro infanzia in provincia, nella Romagna degli anni Trenta. Per loro i venti di guerra che già  si addensano sull'Europa sono lontani. La loro guerra personale è legata ai giochi dell'infanzia e alla piccola realtà di paese che li circonda. Crescendo, la vita li allontanerà. La guerra, quella vera, vedrà gli amici di un tempo combattere su fronti opposti. Per un beffardo gioco del destino, tutto finisce nei luoghi della loro infanzia, tra le macerie di una nazione devastata. Un'epica sommessa, che nasce da cose semplici, da vicende comuni, nella quale ogni personaggio assurge a un ruolo emblematico, quasi simbolico. I personaggi del romanzo sono di fantasia, ma sono ispirati a persone realmente esistite e le vicende di ognuno sono il frutto di un'appassionata ricerca storica dell'autore, che qui ci presenta un'affascinante epopea italiana, di guerra, di amicizia, di amore, dallo spiccato taglio cinematografico.
È già quasi una sceneggiatura ed è un argomento che viene trattato abitualmente dal nostro cinema e dalle nostre fiction.

In fondo alla terra - Alessandro De Francesco
Cile, 11 settembre 1973. Il mondo assiste attonito alla violenta presa del potere da parte dei militari. Il colpo di Stato travolge la vita di molti cileni e fa sprofondare il più europeo dei paesi latino americani sotto il peso di una feroce repressione. Estela Meunier è figlia di uno dei tanti militari contrari al golpe. Per non restare stritolata dagli ingranaggi di un potere brutale, la ragazza si vedrà costretta a una fuga disperata attraverso il Sud America, fino all'Europa. I retroscena della politica, il crollo delle speranze, le violenze e il caos faranno da cornice alla lunga odissea della protagonista. Estela si ritroverà a vivere il brusco passaggio da una spensierata giovinezza all'età adulta, con un nuovo nome e una nuova identità in un paese straniero. Nel ripartire da zero, la ragazza dovrà fare i conti con le proprie insanabili ferite e con ciò che la vita le riserva. Una vicenda ispirata a fatti reali. Estela, per quanto personaggio di fantasia, racchiude in sè le tracce di tante storie vere. Diviene il personaggio simbolo di un dramma che investì la società cilena in modo trasversale, dai rimandi alla vita della presidente Michelle Bachelet alle testimonianze dei tanti cittadini comuni che videro le loro vite segnate dalla Storia.
Si potrebbe impostare una sceneggiatura sulla seconda parte del romanzo, quella che si svolge in Italia. Tutta la prima parte potrebbe comparire solo come dei lunghi flashback inseriti qua e là durante il racconto che la protagonista fa all'anziano vicino di casa. Messo così, il romanzo è già una sceneggiatura perfetta.

 

Giunti Editore

Giunti Editore, storica casa editrice fiorentina è capogruppo del secondo gruppo editoriale italiano. Opera nel settore dell'Editoria libraria, cartacea e digitale, coprendone attraverso le proprie controllate tutta la filiera produttiva, con un'importante presenza nel canale retail (Giunti al Punto, prima catena italiana di librerie con oltre 215 punti vendita). Ragazzi & YA: In questo segmento il Gruppo è leader per numero di copie vendute.

L'Ora dei Dannati - Luca Tarenzi
Cinque dannati, tra cui proprio Virgilio, tentano qualcosa di inimmaginabile: evadere dalla prigione eterna. Un carcere di massima sicurezza in cui i secondini sono angeli caduti che torturano i prigionieri (gli Spezzati), sadiche arpie, mostri e giganti. Il principe dei poeti latini diventa elemento essenziale nell'evasione. Solo lui, infatti, può ormai muoversi liberamente all'inferno. Seguendo il piano di Pier delle Vigne "il suicida trasformato in albero per espiare l'ignominia del suo gesto", Virgilio recluterà altri dannati per tentare l'impossibile. Ma ci si può davvero fidare di gente condannata all'eterno tormento? Gente come il conte Ugolino, traditore della patria, il pazzo cannibale imprigionato nel ghiaccio nell'Antenora, la seconda zona del IX cerchio dell'Inferno. O come Filippo Argenti, nemico di Dante in vita (si oppose al ritorno del poeta in patria), l'iracondo, destinato in eterno a essere dilaniato dagli altri iracondi, immersi nel fango del V cerchio. O come Bertran de Born, soldato senza testa e seminatore di discordia. Del resto, l'Inferno non rende nessuno migliore, ma assumersi dei rischi è necessario per avere almeno una speranza di spuntarla.
Lo stile dell'autore è veloce, con suggestioni gotiche e passaggi sincopati di azione pura. La Divina Commedia, è utilizzata in maniera molto puntuale, quasi filologica - Un romanzo Young Adult che è un vero e proprio racconto carcerario - Una trilogia adrenalinica, ricca di colpi di scena e momenti tensivi. Le descrizioni delle scene d'azione, delle intuizioni e dei progetti machiavellici si accompagnano alla resa di un mondo, quello infernale, percorribile nelle sue dimensioni e pertanto caldo, polveroso, glaciale e insopportabile. Ci si sporca davvero all'Inferno; i personaggi danteschi sono resi ancora più tridimensionali e diventano attualissimi. Il conte Ugolino acquista una nuova e diversa umanità , Filippo Argenti è il prototipo del «bullo intelligente», Bertran de Born è una figura potentissima. Il loro lento ma costante allontanarsi dalla logica individualista dell'Inferno verso una reciproca fiducia diventa la vera vittoria sulla loro eterna prigione. Una trama epica, densa, che nasce da un immaginario classico e che sorprende: niente è come sembra e combattimenti feroci, tradimenti, ombre, inganni, stratagemmi, flashback si susseguono a ritmo serrato fino all'ultima pagina. Ma è anche una storia di redenzione. Perchè tutti hanno bisogno di credere in una via d'uscita, persino i dannati. Tarenzi è riuscito a sfruttare le dinamiche più interessanti della geografia e delle pene dell'Inferno a suo favore per costruire un'avventura fuori dal comune.

Un'alice come un'altra - Alice T.
Alice all'anagrafe ha un nome diverso, un nome da maschio. Solo sei mesi la separano dall'inizio delle cure che le restituiranno un'identità in cui riconoscersi e le permetteranno di scacciare "l'intruso", ma tra oggi e quel momento può succedere di tutto. Alice T. ha quattordici anni, vive al Vomero, in una casa con una piccola terrazza panoramica dove lascia puntualmente cibo per gli uccellini, suscitando nella madre il terrore che possa attirare i topi. Adora scrivere e giocare a scacchi, le sitcom americane, il cinema horror, Lady Gaga e Achille Lauro. Va pazza per il sushi ma anche per il casatiello. Ama il black humor. Vive fino in fondo le proprie emozioni e non si vergogna di piangere. Non si vergogna di piangere, perché le lacrime sono il punto d'incontro di gioia e dolore. E anche quando cade, non si arrende mai..
La storia vera di un'adolescente unica eppure come tante, tra famiglia, scuola, grandi paure e lo straordinario coraggio dell'adolescenza. È la voce di Alice a raccontarci dell'intenso e complesso rapporto con i genitori e del percorso in cui l'accompagnano, in una Napoli che balza dalla pagina con tutto il suo mare di umanità. Un racconto che parla di identità , crescita, trasformazione, per diventare davvero sè stessi. Una voce potente, delicata, mai caricaturale, mai cattedratica. Che parla il linguaggio dei ragazzi di oggi e si rivolge direttamente a loro. La cifra di Eduardo De Filippo, la delicatezza e l'equilibrio de La vita è bella.

Disegnavo pappagalli verdi alla fermata del metrò - La storia di Ahmed Malis - Nicoletta Bortolotti
Ahmed Malis, un ragazzo di origine egiziana, figlio di genitori immigrati a Milano negli anni Ottanta, ama disegnare ed è un vero prodigio autodidatta. La sua famiglia, però, non ha abbastanza disponibilità economica per mandarlo all'Accademia d'arte e sogna per lui un futuro solido, non certo da artista. Ahmed frequenta insieme ai suoi fratelli il centro di aggregazione giovanile CDE Creta, molto attivo nel quartiere milanese del Giambellino. Proprio qui, grazie all'iniziativa di un educatore che più di tutto vuole dare una chance a questi adolescenti spesso allo sbando, Ahmed riesce a pubblicare i suoi disegni sul Corriere.it e a realizzare il suo sogno. I disegni della copertina e degli interni sono di Ahmed Malis
L'autrice dà voce al protagonista usando il linguaggio crudo dei ragazzi della periferia, catturando il cuore, l'anima di «Giambel City». Ci fa entrare nella casa di una famiglia come tante che, dietro un'apparente miseria custodisce enormi ricchezze. Milano è una città generosa, dove tutto può succedere. Anche i miracoli. Il protagonista è uno di noi. La sua è la storia dei tanti giovani che vivono nei quartieri popolari di una grande città con qualche centesimo in tasca e tanti sogni, in bilico fra la possibilità di una vita più giusta e il rischio di perdersi. Ahmed racconta la sua storia ai ragazzi per dire loro che la possibilità di avere una voce esiste. E bisogna andare a prendersela.

 

In riga Edizioni

In riga Edizioni è una casa editrice che offre manuali e materiali introduttivi nelle principali discipline tecnico-scientifiche e umanistiche, creati o adattati da docenti o professionisti. I contenuti sono arricchiti da interventi didattici e di approfondimento per rispondere alle specifiche esigenze degli studenti.


Esibizioni filosofiche di una scatola - Gabriele Bonazzi
Beniamino Darto, professore in un liceo della provincia veneta, escogita un'introduzione allo studio della filosofia che mette al suo centro una semplice scatola di cartone. Sul suo contenuto, ermeticamente sigillato all'interno e quindi non visibile, gli studenti, guidati da Darto, dovranno ragionare e fornire congetture allo scopo di scoprirne l'identità. La scatola diventa così, non senza esilaranti contrattempi, utile strumento di deduzione da parte dei ragazzi di concetti chiave della filosofia, ma darà anche occasione a Darto di riflettere e discutere, attraverso un gruppo di personaggi di contorno, sulla scuola di oggi, sui suoi stralunati protagonisti, le sue ricchezze e soprattutto le sue grottesche miserie. Gabriele Bonazzi, bolognese di nascita, ha al suo attivo numerose pubblicazioni: "Bologna nella storia "(Pendragon), "Bologna in duecento voci" (Forni), "Le torri e le lettere "(Patron), "La filosofia e i suoi percorsi" (Laterza), "Vita perplessa del dottor Schopenhauer" (Guida).

Scrivere su Tamara - Marcel Bénabou
Questo romanzo è il racconto intenso di un'iniziazione amorosa, la nascita della tenera amicizia fra due adolescenti che si dipana fra desiderio e attesa, fra slanci travolgenti e pudica discrezione. Ma è anche una rilettura nostalgica del diario del narratore redatto nella Parigi degli anni 50-60, e dei tentativi falliti di raccontare questa storia. È un'opera delicata e profonda il cui tessuto intertestuale, che ne è parte essenziale, si nutre di rimandi a figure letterarie francesi di ogni epoca, ma soprattutto alla letteratura cortese e a Dante Alighieri. È un romanzo che consente letture diverse, dalla più ingenua, che segue la storia fra Manuele e Tamara, a quella pù esigente, che sa scovare nelle pieghe del discorso le figure più memorabili della letteratura occidentale. Così che la storia d'amore per una fanciulla procede in parallelo con una appassionata dichiarazione d'amore per la letteratura.
Marcel Bénabou, allievo della Scuola Normale Superiore di Parigi (1960-64), poi professore di Storia antica presso l'Université Paris-Diderot (1974-2002), è membro dell'Oulipo, l'Ouvroir de Littérature Potentielle che ha annoverato fra i suoi ranghi figure come Perec e Calvino.

Venti di parole -  Viandanti d'inchiostro
Pesare un bel mucchio di parole, né troppe, né troppe poche. Aggiungere una tazza di realtà a temperatura ambiente - con qualche goccia di colorante per renderla meno grigia - un quintale di leggerezza, e un cucchiaio di femminilità. Mescolare, montando il tutto a neve ben ferma. Incorporare una buona dose di fantasia e un velo di tristezza. Versare il tutto in una tortiera capiente e infornare negli ingegni delle autrici, a 180°, molto ventilato, per il tempo necessario (la fretta è nemica dell'ispirazione). A cottura ultimata, aggiungere a piacere una spolverata di sogni e un pizzico di follia. Ecco pronti i Venti di parole, serviteli tiepidi. Sono di gustosa lettura, in qualunque momento della giornata. I Venti di parole si sono alzati, venti freschi racconti usciti dalle penne di undici donne. Un mondo visto attraverso occhi femminili, che narra di amore romantico e filiale, amicizia, viaggi reali e mentali, gioia e dolore. Sono diversi gli argomenti, come sono diversi gli stili delle autrici: c'è chi vi trasporterà nel mondo della geometria umanizzata per raccontarvi la favola contemporanea di Retta e Curva, chi vi farà visitare pianeti sconosciuti e labirinti intricati, chi vi condurrà in un metaforico viaggio sulla strada del cuore, e così via. Ogni racconto è un piccolo mondo a sé, legato agli altri forse solo dal tocco leggero ma profondo con il quale vengono trattati anche gli argomenti più dolorosi. Le donne che hanno lavorato a questa raccolta sono tutte autrici emergenti, unitesi per dare vita al loro sogno di bambine, che scrivono perché la loro voce fatta di parole, possa alzarsi nel vento...

 

Maglio Editore

Obiettivo della casa editrice è quello di fare incontrare temi che riguardano la storia della provincia emiliana con stili narrativi freschi e originali. L’attenzione è rivolta ad un mondo vicino geograficamente quanto lontano nel passato, ma che ha ancora forti legami con il nostro presente. Un mondo documentato da fonti scritte, ma anche fotografiche, da testi pubblici e testimonianze private.

Delitto alle dune - Ivan Furlanetto
Al Lido degli Scacchi, sul litorale ferrarese, l’estate è appena iniziata. Spiagge ancora semideserte, pochi turisti tedeschi in giro e i proprietari delle seconde case che si ritrovano puntuali dopo un anno trascorso in città. Si attendono giornate placide al Lido, come l’andirivieni delle onde dell’Adriatico. Mare, sole e pettegolezzi da ombrellone: soltanto l’afa e le liti condominiali potrebbero guastare questo idillio. Finché una mattina gli abitanti del residence Alle Dune sono svegliati da un urlo agghiacciante. Il corpo di Beatrice Orsi, ricca e bellissima vedova cinquantenne, viene trovato senza vita nel suo appartamento, tumefatto da punture d’ape. Quella che subito sembra essere una disgrazia, assume nel corso delle ore i contorni di un omicidio. Le indagini vengono affidate al burbero e solitario maresciallo dei carabinieri Antonio Zumpano, calabrese di nascita (e di cuore), che con l’aiuto di Alfredo Franceschi, suo amico di vecchia data e vicino di casa della vittima, scoprirà che non erano pochi quelli che avrebbero potuto uccidere la donna.
Giallo, delitto, serialità con 4 indagini che ripropongono i due protagonisti, ambientazione emiliano-romagnola.

Chi sa ridere è padrone del mondo - Alessandro Piscitelli
Bologna, fine anni Novanta. Diego Busacchi, giornalista sportivo, scrive per il principale quotidiano della città. Non ha ancora compiuto trent’anni e la sua vita è scandita da partite, allenamenti, uscite con gli amici e da una relazione travagliata con Sara. Nel giornale per il quale lavora viene assunta Ludovica che ha da poco concluso uno stage a Roma e si occupa di moda, cultura e spettacolo. Ludovica è di una bellezza disarmante e tra i due nasce una forte intimità che finirà per condizionare le loro vite. Ma chi è davvero questa ragazza? Cosa nasconde il suo passato? E in tutto ciò Diego che ruolo avrà? Chi sa ridere è padrone del mondo racconta Bologna dal suo interno, si snoda negli anni prosperi dello sport cittadino e, soprattutto, scava nel profondo di due vite apparentemente lontane ma accomunate dalla passione per il giornalismo e mosse da una costante irrequietezza delle loro anime.
Ambientazione bolognese, sport, amore, amicizia e mistero, sullo sfondo un capitolo sul 2 agosto 1980.

I Forcelli. Storie di gente, di terre e di acqua dalle parti di San Giovanni in Persiceto - AA.VV.
Storie di gente, di terre e di acqua. Un percorso tra i materiali recuperati sulla Borgata Forcelli, una collezione di racconti e immagini smarrite, rarità e tesori nascosti. Questa l’idea del volume dedicato a questa piccola comunità, stretta tra il Comune di San Giovanni in Persiceto e Sala Bolognese, la cui storia è intimamente intrecciata con il territorio e in particolare con il fiume Samoggia, a cui deve la sua fortuna e il suo declino. La nascita del progetto di recupero sui Forcelli risponde al bisogno storiografico di occuparsi di una storia “altra”, di ricostruire, attraverso testimonianze orali e fotografie di famiglia, una microstoria fatta di uomini e di donne, di contadini e di operai, con l’intento di salvaguardare un’identità locale e allo stesso tempo di comprendere processi storici più ampi. Il lavoro di ricerca ha visto studiosi impegnati nel recupero di testimonianze sul campo, attraverso interviste a coloro che in prima persona avevano preso parte alla vita della borgata e attraverso l’attenta opera di selezione delle fotografie appartenute agli album di famiglia.
Questo libro intende salvare i Forcelli da un probabile naufragio, un secondo naufragio, dopo quello già toccato alla borgata tra le acque del fiume Samoggia nel 1966. Questo naufragio sarebbe stato, paradossalmente, ancora peggiore del primo, dal momento che in gioco c’era la sopravvivenza di una cultura dalla dispersione e dall’oblio.

 

Pelledoca Editore

I libri Pelledoca vogliono raccontare storie belle, forti e particolari. Abbiamo fatto una scelta precisa, scegliendo di occuparci solo di tutte le sfumature della paura. La paura talvolta ha l'aspetto della tensione, altre volte dell'ansia, e può perfino apparire come un disagio, ma se affrontata ha un unico compagno: il coraggio. Timore e sfida camminano insieme ed esplorare le paure significa anche poter capire quando, in fondo, non occorre averne.

Senza una buona ragione - Benedetta Bonfiglioli
Bianca, 17 anni, ha una vita semplice: pochi amici veri, la scuola troppo difficile che affronta con determinazione, e la famiglia, imperfetta come tutte. È molto legata al fratello maggiore Carlo con cui è cresciuta nell'assenza sistematica dei suoi genitori impegnati al lavoro. Carlo si è da poco trasferito a Parigi per studiare e quando torna dall'università per le vacanze di Natale, lascia la sua fidanzata storica, la bellissima Greta, che frequenta la stessa classe di Bianca. Da questo momento, Bianca diventa vittima di piccoli incidenti e di cattiverie dapprima quasi insignificanti, poi sempre più seri: dietro ognuno di essi sembra esserci Greta, evidentemente così arrabbiata per essere stata lasciata da Carlo da perseguitare con crudeltà la sorella di lui. Bianca sprofonda piano piano in un abisso e nel suo naufragio verso la solitudine soltanto Mila, compagna di classe attenta e premurosa, le rimane vicino. Sarà solo molto lontano da casa che Bianca troverà la verità oscura e sorprendente dietro la sua caduta, e la forza per rialzarsi e ricominciare da capo.
Raccontare il bullismo senza trasformarlo nel tema del romanzo, un'indagine su adolescenza, identità e relazioni, condotta con una scrittura magistrale, dove nulla avviene per caso. Un'autrice attenta e sensibile alle problematiche dei ragazzi, a cui piace raccontare realtà forti con storie positive. Una scrittura diretta e vertiginosa. Un ritmo che non ti lascia dall'inizio alla fine. I personaggi di questo romanzo non sono mai semplici, né scontati, hanno sfumature e contraddizioni, come nella vita vera, sbagliano, non riescono a comprendersi, agiscono "senza una buona ragione", perché la vita è fatta anche di questo, di crudeltà insensate. Una storia piena di spunti, intensa e inaspettata, che ha la capacità di catturare il lettore, metterlo al centro delle vicende, sorprenderlo e scuoterlo.

Fuori dal branco - Sara Magnoli
C'è un rito di iniziazione per essere accettato dal gruppo. Il Cobra, capo indiscusso di una gang di minorenni, è stato chiaro ed Elia non può tirarsi indietro. Deve saltare di notte sul balcone di un'anziana donna che vive sola e terrorizzarla fino al punto che la mattina dopo la polizia troverà il suo corpo senza vita. Il vicequestore Luca Modanesi indaga. Sa delle telefonate di protesta degli inquilini del palazzo per la banda che dava il tormento alla vecchia. Più li cacciava e più si divertivano. Le indagini si concentrano sul branco. Il padre di Elia non sospetta minimamente che il figlio faccia parte della gang. Ad aprirgli gli occhi sui contrasti interiori che il ragazzo sta vivendo, è un professore un po' attempato che cerca di comprendere ciò che Elia sta attraversando: da una parte il desiderio di essere accettato dal gruppo di coetanei e dall'altra la paura e l'angoscia per la morte dell'anziana donna di cui si sente responsabile. Ma Elia non è solo e nella difficoltà del momento trova nell'amore per Futura un'ancora a cui aggrapparsi e nell'amicizia con il "baka" una spalla per condividere un segreto difficile da custodire.
Fanno gruppo, si sentono invincibili, adocchiano la persona debole e poi colpiscono. Sono le baby gang. L'aggregazione in gruppi dalle dinamiche malsane, la coscienza del protagonista che grida le sue ragioni, contrapposta al bisogno di essere accettati; l'onestà che lotta contro la paura, la personalità emergente che cerca di liberarsi e prendere il volo, ma che, nel contempo, vuole essere riconosciuta e integrata. Un intreccio che vede due percorsi di narrazione: quella in prima persona di Elia (lo Sfigo) e quella in terza dell'indagine di polizia condotta dal vicequestore Modanesi e di altre storie che si accostano e intersecano. La costruzione narrativa ha la rara dote di saper restare al di qua del pericolosissimo confine che c'è tra letteratura e didascalismo. Un buon gioco di focalizzazioni, movimenti inaspettati che permettono alla scrittura di restare dinamica, ha sempre uno scatto di reni che la fa tirare dritto sulla via della narrazione.

Dark Web - Sara Magnoli
Vesna è un nome falso. Il nome scelto da Eva, 14 anni, per diventare una influencer da milioni di like. Doom Lad è il nickname di lui: Significa "ragazzo del destino". Si incontrano su Instagram. Ma lui cambia veste a seconda delle situazioni. Il web è una ragnatela, dove si trova di tutto. Giovanni Boccaccio non è uno di loro, ma finge di esserlo. Rocco d'Antonio, l'ispettore nascosto dietro a uno scrittore del Trecento deve trovare un modo per salvarla. Eva non sospetta quello che c'è dietro i messaggi, le videochiamate e le immagini che scambia con Doom Lad. Prima le foto, poi i video e alla fine l'incontro in hotel. Eva questa volta è da sola, non c'è schermo o famiglia a proteggerla. L'unico amico a cui Eva ha raccontato tutto è Pio che ha paura dei bulli che lo sbeffeggiano in internet e in faccia. L'unico pronto a sfidare il mondo per proteggerla. Ma Doom Lad sa di averla in pugno. Intanto l'ispettore serra le maglie del giro di sexting. Ha in mano una pedina importante, è a un punto di svolta. Non può sbagliare, ora che Donar è vicino. E in un ritmo sempre più serrato il finale riserverà una sorpresa e il ribaltamento di ogni sospetto.
Nell'era di Instagram, delle battaglie dei like dove tutto è concesso e dove i sogni sembrano divenire realtà senza fare tanta fatica, è tutta questione di un attimo, è tutta questione di un post. Un thriller ad alta tensione sul lato oscuro del web, i fili che si tendono fanno aumentare il ritmo narrativo, i falsi indizi lo fanno rallentare, come in un giallo di cui sembra di capirci qualcosa ma così non è. La trama ricostruisce con cura e credibilità i meccanismi più spaventosi e deviati del web, ma nonostante la forte lezione sui pericoli che il lettore può trarne, la "morale" non viene mai prima della storia, del meccanismo narrativo che ne fa un vero thriller. Tratta di una quotidianità in cui i ragazzi e le ragazze sguazzano e lo fa standoci dentro senza mai demonizzare il mezzo del social media né internet, ma non risparmiando nulla di ciò che può accadere.
A più di sessant'anni di distanza, il progetto del Saggiatore non cambia, delineandosi come il tentativo di creare, nelle parole dell'editore Luca Formenton, «una costellazione di titoli e autori che siano determinanti per il nostro tempo. Libri che resistano al tempo e lo modellino». Libri-cannocchiale che, per citare una pagina di Claude Levi-Strauss, aiutino i lettori-astronomi a trovare un senso unico a configurazioni molto diverse.

Maimamma - La Rappresentante di Lista
Lavinia ha trent'anni. Da poco è andata a vivere da sola in una casa ancora vuota, che non sa riempire, in una città dai tratti meridionali che ricorda Palermo, e che forse lo è. A trent'anni è così: la vita sembra fuggire via, nulla si ferma, niente rimane. Lavinia vive tra disillusioni, insonnie, routine, turni di lavoro in un biscottificio in centro, gruppi di amici scomparsi. E come se non bastasse, Lavinia vive negli ultimi giorni della terra. è infatti iniziato un countdown: nel giro di un anno il pianeta, ormai collassato a causa della stupidità umana, rimarrà vuoto. è in questo momento che Lavinia rimane incinta e si trova ad affrontare un'ulteriore fase della sua vita, forse l'ultima: diventare madre a un passo dalla fine del mondo.
Un film da Maimamma, primo romanzo de La rappresentante di Lista. sarebbe una splendida ventata di novità per il cinema italiano. Perché il caldo sud in chiave apocalittica non è ancora stato raccontato in un lungometraggio, specie se la protagonista è una neo-madre che affronta un dilemma shakespeariano dalle tonalità green: cosa fare se si rimane incinte a 10 mesi dalla fine del mondo? Partorire? Abortire? Come vivere questo tempo breve e drammatico? La storia di Maimamma è la metafora del dilemma che ciascuno di noi si trova a vivere di fronte a ogni scelta quando il futuro è sempre più difficile e incerto. Condizione esistenziale, femminilità, questione climatica, sentimenti profondi come amore e amicizia. In Maimamma ogni tema del contemporaneo sembra riverberare di luce magica.

La Distruzione - Dante Virgili
Un uomo repellente e luciferino, abbandonato a se stesso nell'orrore di un'estate milanese, sogna l'apocalisse nucleare e rimpiange il Terzo Reich. è stato interprete per le SS, ha amato e perduto una donna di nome Bianca. Adesso che la guerra è finita, lavora come correttore di bozze per un giornale, insegue giovani cameriere e garzoni spinto da un'ossessione sadomasochista e da ciò che resta di una turpe volontà di potenza. è il 1956, la crisi di Suez gli sembra il preludio alla Terza guerra mondiale, una guerra che agogna, igiene di un Occidente immondo che odia, come odia se stesso. La distruzione, primo romanzo italiano apertamente nazista, apparve per Mondadori nel 1970, mentre il mondo celebrava l'illusione di un futuro di pace e di palingenesi collettiva.
BIO22 FROMBOOKTOFILM BANNER2
BIO23 SITOWEB FOOTER 1200x870 1
BIO23 SITOWEB FOOTER 350X800 1