HOME > programma

Storie italiane

In occasione della sua dodicesima edizione, Biografilm Festival inaugura una nuova sezione dedicata a volti e storie importanti del panorama culturale italiano, in cui convergono non solo grandi anteprime, ma anche storie già proposte in altri palcoscenici nazionali e internazionali ma meritevoli di essere scoperte o riscoperte.

Programma:

ven. 10 giugno

  • 16:00

    Germano Sartelli - la forma delle cose, conversazioni

    Le prime sculture sono in legno e ferro, poi stracci, fili metallici arrugginiti, cicche e cartine di sigarette. Dopo il 1960 è il momento di vimini, paglia, ragnatele, ciocchi. È il percorso artistico del bolognese Germano Sartelli, recentemente scomparso. Lo raccontano in questo film le voci di chi gli è stato vicino: Andrea Emiliani, Maurizio Calvesi, Marisa Vescovo, Claudio Spadoni e Dario Trento. Una ricerca artistica incessante, illuminata dalla lunga esperienza di insegnamento nell’Ospedale psichiatrico di Imola.

    Leggi tutto

sab. 11 giugno

  • 16:00

    Così parlò De Crescenzo

    Luciano De Crescenzo, uomo dai tanti talenti e dalla pungente ironia, è un simbolo della versatilità e dell’ingegno partenopei. Attore, regista, scrittore, poeta, filosofo, umorista e mille altre cose ancora, ha regalato perle di pensiero irriverente al grande pubblico con i suoi programmi tv e i molti libri sulla mitologia classica. Il film di Antonio Napoli ricostruisce la sua vita privata e professionale in una polifonia di talenti che hanno incrociato la sua strada: dall’amore con Isabella Rossellini al lavoro con Renzo Arbore e Lina Wertmüller, dalla scuola dell’obbligo frequentata con Bud Spencer all’amicizia con Marisa Laurito… Un ingegnere capace di cavarsela nel ruolo del Padreterno, a fianco di Roberto Benigni: che dire di più?

    Leggi tutto

mar. 14 giugno

  • 17:30

    Professione Remotti

    Remo Remotti, attore, musicista e artista, l’ultimo poeta della Capitale, l’ultimo Casanova. Nel 2015 si spegneva lasciando un vuoto grande come la sua personalità complessa, la sua esuberanza verbale, la sua energia istrionica. Questo film lo racconta in nove capitoli, nove storie nella storia attraverso cui ci conduce la voce stessa del protagonista. Una trama autobiografica che si intreccia con le testimonianze di amici e colleghi e con le immagini delle sue performance.

    Leggi tutto

mer. 15 giugno

  • 20:30

    Andrea Pazienza - Fino all'estremo

    Arte fuorilegge, in qualche modo eroica. La sua opera come ribellione assoluta da gabbie e confini. Pazienza come Balzac, Dostoevskij, Goya, i massimi scrittori e illustratori capaci di tratteggiare con il più leggero sbaffo le facce e l’anima. Da dove veniva questo dono? Questo film è un viaggio in macrofotografia nelle correzioni, nelle pecette, nei materiali poveri e improvvisati di uno dei lavori più alti e abissali del ventesimo secolo italiano.

    Leggi tutto
  • 20:30

    Riccardo Mannelli: notes for the reconstruction of beauty

    Un ritratto, un viaggio nella quotidianità dell’artista e dell’uomo Mannelli. Un punto di vista che vuole raccontare gli infiniti mondi paralleli in cui Riccardo Mannelli si muove. Girato durante il periodo dell’organizzazione della mostra personale dell’artista a Los Angeles, il film è impreziosito da contributi di importanti personalità della cultura italiana e americana e dalle riflessioni dell’artista sull’umanità e sulla propria ricerca artistica.

    Leggi tutto

dom. 19 giugno

  • 21:00

    La scelta di Leone

    Torino, 1923. Al liceo d’Azeglio di Torino un gruppo di diciassettenni si forma intorno all’insegnamento di maestri antifascisti come Augusto Monti e Umberto Cosmo. Tra loro spicca per maturità e carisma un giovane ebreo russo nato a Odessa, Leone Ginzburg. Confrontati alla fase trionfante del fascismo, ognuno di loro lotterà negli anni successivi contro la retorica e l’oscurantismo del regime, con i mezzi dell’azione politica e della diffusione culturale. a scelta più radicale sarà quella di Leone.

    Leggi tutto

mer. 22 giugno

  • 17:30

    Così parlò De Crescenzo

    Luciano De Crescenzo, uomo dai tanti talenti e dalla pungente ironia, è un simbolo della versatilità e dell’ingegno partenopei. Attore, regista, scrittore, poeta, filosofo, umorista e mille altre cose ancora, ha regalato perle di pensiero irriverente al grande pubblico con i suoi programmi tv e i molti libri sulla mitologia classica. Il film di Antonio Napoli ricostruisce la sua vita privata e professionale in una polifonia di talenti che hanno incrociato la sua strada: dall’amore con Isabella Rossellini al lavoro con Renzo Arbore e Lina Wertmüller, dalla scuola dell’obbligo frequentata con Bud Spencer all’amicizia con Marisa Laurito… Un ingegnere capace di cavarsela nel ruolo del Padreterno, a fianco di Roberto Benigni: che dire di più?

    Leggi tutto